fbpx
gestione di un blog
Uncategorized

Wedding writer e la gestione di un blog di settore – parte sesta

Consueto appuntamento settimanale con la nostra rubrica per la gestione di un blog di settore, siamo ormai giunti alla sesta parte!
Vi avevamo lasciati parlandovi di un argomento piuttosto ostico: il SEO.
In questa sesta parte cercheremo di approfondire meglio questo aspetto, spiegandovi di cosa si tratta e di come costruire articoli che ne rispettino le regole.
La gestione di un blog del settore matrimoni non è esattamente una passeggiata. Non dobbiamo mai perdere di vista il focus, l’obiettivo e il nostro target. Definire questi aspetti e scrivere articoli pertinenti a essi, che rispettino alcune regole SEO ci aiuterà a farlo “salire”, a farci conoscere, a essere cercati per trovare delle soluzioni ai problemi o anche solo idee.

SEO, cosa significa esattamente?

Non potete pensare di avere il controllo sulla gestione di un blog di settore se non conoscete questa piccola parola, questo acronimo.
Ma cosa significa, precisamente?
SEO: Search Engine Optimization, ossia letteralmente “ottimizzazione per il motori di ricerca“. A cosa serve? A “scalare” la vetta e a farsi trovare per primi o comunque tra i primi quando un utente fa una ricerca su Google o altri motori.
La gestione di un blog di settore non può prescindere da questo aspetto, se vuole avere successo e salire in cima.
Creare traffico organico dev’essere sempre il nostro primo obiettivo e lo possiamo fare scrivendo articoli ricchi di quei contenuti che la gente vuole trovare.
Quindi come fare per entrare nella testa delle persone e dare loro le risposte che cercano?

seo per blog
Tre lettere, un’importanza fondamentale per avere successo!

Keyword e query

Negli articoli che andremo a scrivere, inseriremo delle “parole chiave” che saranno le parole che ci permetteranno di esser trovati dagli utenti.
Prendete la gestione di un blog non come un diario personale, dove riversare contenuti a iosa, tanto per scrivere o per comunicare. Gestire un blog del settore wedding o eventi deve spronarvi a cercare le parole giuste per attirare il VOSTRO pubblico, quello che avrete deciso di ascoltare, di seguire, con il quale volete lavorare.
Quindi dovete imparare a distinguere tra keywords e query. Le prime sono le parole “chiave” che inserirete dopo aver effettuato una doverosa ricerca di query, che sono le domande che gli utenti scrivono sui motori di ricerca per trovare la soluzione ai propri problemi.

Piccolo trucco

Come trovare queste domande? Esiste un modo, è semplice, efficace e per chi è all’inizio e non può contare su un aiuto esterno per la gestione di un blog di settore è l’ideale.
Aprite una navigazione in incognito con Google e iniziate una ricerca sulla di ciò che sapete del vostro cliente ideale. Se vi occupate di cerimonie simboliche e basta, potreste iniziare da lì.
Google farà “apparire” una serie di altre domande fatte che rappresentano le “query” più usate dagli utenti di quel determinato segmento di mercato.
A questo punto avrete degli ottimi suggerimenti di parole chiave sulle quali costruire i vostri articoli!

Non dimenticate poi, se usate WordPress, di installare Yoast. Il plug-in vi permette di controllare il contenuto del vostro articolo e tramite i colori verde, arancione e rosso aiutarvi a capire dove state sbagliando e dove invece siete andati bene.
Chiaramente, la gestione di un blog di settore non può limitarsi a questo. Yoast vi aiuta, ma dovrete comprendere PRIMA a quali parole chiave dare risalto, per essere trovati e creare attorno a queste parole – ripetute un certo numero di volte (senza per questo creare articoli ridicoli!) – dei post carichi di contenuti interessanti.

Ci vediamo il prossimo giovedì con la settima e ultima parte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *