fbpx
Blog e risorse

Wedding writer, la gestione di un blog di settore – parte prima

Prende il via una rubrica che ci accompagnerà per qualche settimana e che vi aiuterà a pianificare, creare e gestire un blog di settore, trasformandovi in wedding writer perfetti (o quasi).
Consideratelo un vero e proprio corso, totalmente a vostra disposizione, per aiutarvi a muovere i primi passi come wedding writer. E’ una professione? Ebbene sì, che si accompagna quella che tutti voi vorreste fare: il/la wedding planner.
Partiamo? Seguiteci attentamente, perché non sarà come vi aspettate, di questo ne siamo certi.

Il blog di settore trattato come evento

Vi avevamo avvisati. Non vi diremo quello che volete sentirvi dire, ma tutt’altro. Diciamolo subito, wedding writer non si nasce, si diventa. Ma non possono mancare un briciolo di talento e tanta passione.
Se avete queste due virtù, dovreste immaginare la creazione del vostro blog come l’organizzazione di un evento.
Perché volete diventare wedding writer – oltre che planner – e volete cimentarvi con un blog di settore? Cosa vi spinge a farlo? E siete sicuri di avere le competenze necessarie per riuscire nell’impresa?
Creare un blog che tratti di matrimoni e affini può sembrare una follia, di questi tempi. Avete notato quanti ne esistono? Avete notato che alcuni di questi hanno un’influenza notevole sulle decisioni prese dalle future spose?
Se non lo avete fatto, forse prima di iniziare dovreste guardarvi intorno.
Cominciate da Wedding Wonderland e poi riflettete bene.

blog matrimonio
Wedding writer: una professione che deve nascere dalla passione.

Perché aprire un blog di settore? Cosa voglio comunicare?

Wedding writer è un termine che non si sente spesso. A dire il vero, noi lo abbiamo tirato fuori a dicembre, quando abbiamo dato vita al primo corso dedicato a questa professione. Il corso è sempre disponibile on line, è basico e semplice, ma è stato immediatamente scopiazzato qua e là da grandi nomi. Perché? Perché nessuno ci aveva ancora pensato.
Creare wedding planner in serie pare sia diventato semplice. Creare wedding writer in grado di intrattenere il pubblico con articoli interessanti e specifici lo è molto meno.
Quindi per prima cosa chiedetevi PERCHE’. Perché lo volete aprire, perché volete parlare al mondo di matrimoni e affini e cosa volete comunicare di diverso, rispetto agli altri. Perché un wedding writer che si rispetta sa parlare di argomenti triti e ritriti senza annoiare mai, tenendo conto anche di Google e dei suoi parametri che, lo vedrete, sono tutt’altro che facili da rispettare. Quindi la prima domanda è perché e in che modo vorreste trasformarvi da ciò che siete in wedding writer.

blog
E’ davvero ciò che volete fare?

L’analisi della concorrenza

Pensavate di poterne fare a meno, ve lo leggiamo in volto. E invece no. Dovrete farvi PRIMA una bella cultura. Sbirciare i blog di TUTTE, o quasi, le altre wedding planner, per lo meno le più conosciute e capire perché hanno successo anche come wedding writer, perché il loro blog sia così tanto amato e conosciuto.
Vi abbiamo detto di trattare questa vostra impresa come un evento. Quindi, analizzate dapprima voi stessi (la committenza) e successivamente la concorrenza.
Quando avrete affrontato questi due passaggi sarete pronti per iniziare la vostra carriera di wedding writer, ammesso che vogliate ancora provarci.

Passione e dedizione

L’incredibile successo di alcune potrebbe spaventarvi. Potreste avere dubbi sulla vostra capacità di scrivere testi fluidi e al contempo in ottica SEO. Potreste chiedervi come diavolo aprire un blog che non sembri uscito da un template degli anni ’90, e forse potreste persino chiedervi cosa sia un template.
Ebbene, vi diciamo che se vi appassiona, non vi sarà difficile scardinare convinzioni, paure e limiti, perché lo vorrete, e ce la farete, perché prima di lanciarvi senza paracadute vi metterete a studiare per diventare wedding writer di successo.

Cominciate a seguire, per esempio, questa rubrica. Non abbiate fretta. Leggete tutto e prendete appunti. Vi si aprirà un mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *